News

NCC: Mattiazzo a Bittarelli, mai offeso la categoria taxi

Risposta inviata il 25 Febbraio 2012

 

Gent.mo Bittarelli,

in qualita' di Presidente Federnoleggio Confesercenti non mi permetterei e mai mi sono permesso di offendere la categoria dei Taxi, poiché' la ritengo composta da onesti lavoratori artigiani. Non ho mai dichiarato "tassisti ignoranti", ma al contrario ne ho la massima stima e mi dispiaccio, ma posso asserire con serenità che la giornalista ha palesemente travisato le mie parole. Vorrei ricordarle che Federnoleggio ha sempre sostenuto la categoria dei taxi, concordando con chi sosteneva di non applicare la liberalizzazione al settore. Le faccio inoltre notare come mai la nostra Associazione non sia mai voluta entrare in un settore non di sua competenza, ma sostiene da sempre le ragioni di migliaia di imprese NCC italiane che chiedono di veder riconosciuti a loro gli stessi diritti delle altre imprese europee, per poter competere ad armi pari. Chiediamo da anni di riscrivere regole serie in grado di combattere abusivi, che arrecano danno ad entrambi, e i noleggiatori che fanno i tassisti così come i tassisti che fanno i noleggiatori.

Penso che una sana collaborazione ed integrazione tra le Associazioni potrà dare dei risultati che permettano al mondo taxi e a quello NCC di superare il momento di crisi (costo carburanti, tasse, nanismo imprenditoriale), e sperare in un futuro migliore per le nostre aziende.

Voglio rimarcare ancora la differenza tra il mondo NCC e quello Taxi augurando, in tempi brevi, una netta separazione delle categorie concepita dai nostri legislatori.

Solo un sano percorso legislativo permetterà alle due categorie di affrontare i problemi con un unico scopo "migliorare la redditività delle nostre aziende"

Grazie

Francesco Mattiazzo
Presidente nazionale Federnoleggio Confesercenti

 


 

Bittarelli: confusione e offese nel comunicato di Federnoleggio

Fonte: Ansa

Venerdì, 24 febbraio, 2012

Nelle sue farneticanti e imprecise affermazioni, il Presidente di Federnoleggio Mattiazzo dimentica che la Direttiva Comunitaria Bolkestain, assimila ncc con meno di otto posti ai taxi nella stessa categoria del trasporto pubblico locale non di linea, prevedendone l’esclusione dalle "liberalizzazioni".

Dimentica, ancora, il presidente di Federnoleggio che tale direttiva europea è stata recepita nel nostro ordinamento giuridico da tutti i provvedimenti legislativi che hanno trattato il tema delle liberalizzazioni, compreso il decreto Salva Italia attualmente in discussione presso la Commissione industria del Senato.

Il Presidente di Federnoleggio, inoltre, continua ad ignorare, che l'art. 29 comma 1 quater è entrato definitivamente in vigore.

Semmai sarebbe incostituzionale una norma che – come vorrebbe il Mattiazzo - sottraesse ai Sindaci il diritto/dovere di programmare le licenze e le autorizzazioni in funzione delle esigenze del proprio territorio, difendendolo dalle invasioni barbariche degli "abusivi".

Per quanto riguarda poi la differenza sostenuta da Mattiazzo tra noleggiatori "istruiti" e tassisti "ignoranti", credo che chiunque legga il testo e il contenuto delle sue affermazioni, possa fare liberamente ed autonomamente una sua libera opinione su chi offende - senza alcun motivo e giustificazione – una categoria di lavoratori che, al pari dei noleggiatori onesti, vive ed è orgogliosa di vivere, sacrificandosi per dare il miglior servizio possibile agli utenti!

Loreno Bittarelli
Presidente Nazionale Uritaxi